BACK TO TOP

Birra

La grande protagonista della serata. Perchè l’Irlanda ha tantissime cose belle e noi cerchiamo di concentrarle tutte in un festival.

Ma musica, spettacoli, workshop diventano più piacevoli se accompagnati da una buona birra.

Siamo tra i festival che hanno il maggior numero di etichette di birra al mondo. E per questo rigranziamo il nostro partner, Trink SRL

La birra irlandese, dalle più gettonate alle vere chicche introvabili, che si possono assaggiare o a Dublino o da noi, al Microbirrificio Opperbacco di Notaresco, uno dei migliori birrifici artigianali in Italia, ad una selezione di birre artigianali da tutto il mondo, in modo da poter accontentare anche i più esigenti.

Le nostre birre

Tap list

Abbruzzo Airisc Biir

La birra di festival, la nostra creatura, il nostro orgoglio!! L’Abbruzzo Airisc Biir (AIB) Nata dalla collaborazione con il Birrificio artigianale Opperbacco, è una birra artigianale bionda nata come un incontro di due culture: l’irlanda e l’Abruzzo. La ricetta studiata, dal team abruzzese di Opperbacco, si basa sulle moderne ricette di bionde irlandesi, Al naso le note maltate si sposano gli aromi erbacei del luppolo. Il lievito tipicamente IRISH e l’utilizzo del luppolo Palisade le conferiscono un corpo esile ed una buona secchezza,il finale e’ caratterizzato da un amaro pulito e lungo che asciuga la bocca e invita al sorso successivo

Guinness Draught Stout

La Guinness Draught Stout, regina delle birre irlandesi. Presenta un colore rosso rubino scuro e una spuma molto abbondante. Al naso propone dolci aromi di caffè e di malto. Al palato si dimostra morbida e cremosa, di piacevole complessità ed equilibrio. Il finale è puro velluto. Spinata al nostro festival secondo tradizione

Harp Lager

Eletta birra dell’anno diverse volte, la Harp Lager è considerata una delle migliori bionde al mondo. In un mercato estremamente competitivo, questa birra deve difendersi dalle polacche e dalle tedesche. Commercializzata come lager irlandese, il marchio originale risale al 1960 quando venne coniata dalla Guinness Brewery.

Kilkenny Cream

La Kilkenny Cream Irish Beer Servita nella maggior parte dei pub irlandesi e esportata in tutto il mondo, la Kilkenny saprà sorprendervi con il suo sapore leggermente amaro e acidulo, addolcito da un tocco di caramello. Dietro la sua crema leggera e il suo sapore sottilmente fruttato, rimane tuttavia piuttosto potente al palato con un sapore secco e legnoso.

Guinness hop lager

Hop House è una lager ad alta fermentazione, creata con lieviti Ale tipici della Guinness Stout, prodotta da Guinness all’interno del St. James Gate di Dublino. È qui sei mastri birrai, guidati da Peter Simpson, hanno licenza di provare e riscoprire vecchie ricette di birra contenute in antichi diari. Il nome Hop House 13 deriva proprio dal Hop Store n°13 all’interno del St. James Gate dove sono contenuti i luppoli Galaxy, Topaz e Mosaic necessari per la preparazione. Aroma fruttato con sentori di pesca e albicocca, dovuto all’utilizzo di tre diversi luppoli: Galaxy e Topaz dall’Australia e Mosaic proveniente dagi Stati Uniti. Rinfrescante alla bevuta, presenta sottili note di malto e luppolo. Il finale è secco. Stesso lievito Guinness…nuova esperienza di gusto

Porterhouse Oyster stout

Solo chi è davvero un innamorato di Irlanda conosce Porterhouse. Porterhouse Brewing Company nasce nel 1996 dal progetto dei cugini Liam La Hart e Oliver Hughes con il primo Brew Pub aperto nel quartiere di Temple Bar di Dublino. Porterhouse negli anni, ha dimostrato come un semplice birrificio possa produrre una gamma di birre molto diverse tra loro, concepite e realizzate in modo creativo, senza perdere però la tipicità locale.

Ottima birra con dei bellissimi pub nelle più grandi città irlandesi, unico posto in cui è possibile bere questa birra, oltre che in festival particolari come il nostro. Si tratta di una Oyster Stout, classica birra irlandese che prevede realmente l’impiego di ostriche nella fase di bollitura. Rispetto alle classiche Dry Irish Stout ha un gusto più morbido. il suo colore scuro rivela la prevalenza di toni caldi orientati al torrefatto. E’ caratterizzata da sentori speziati di liquirizia.

Porterhouse Temple lager

Un bel giorno in Porterhouse si sono detti. Il nostro palato è un tempio, perchè farlo prendere d’assalto solo dalla lager dei grandi marchi? Facciamo una birra facile da bere ma non scontata. Così è nata la lager originale del Temple Bar.

Fedele allo stile, con luppoli Hallertau che lavorano molto bene con il malto Irish barley per creare una genuina Irish lager che ha, in maniera aspettata per molti, una genuino gusto floreale.

Porterhouse Oyster stout

Esuberante, con note fruttate e di caramello, aromatica, fesca, bilanciata, aromatica.

Ma questa birra ci piace farla raccontare da chi la creata, che la descrive così:

Birre rosse irlandesi? Si lo sappiamo. Dolce, un po’ stucchevole e, beh, no grazie. Quindi, è stato coraggioso da parte nostra (diciamo coraggiosamente) mettere le parole “red ale” dopo il nostro nome. Perché diavolo dovremmo farlo?

Perché questa è una vera birra rossa, una birra che sembra essere di colore rossastro. Ancora più importante, è esuberante, gioiosamente fruttato con un po’ di caramello maltato.

Ma dolce? Non proprio. Equilibrato, sì. Fresco, sì. Aromatico, sì.

Porterhouse Plain Porter

Altra chicca introbabile. Una porter molto aromatica in cui si distinguono note agrumate e di tabacco. Ben bilanciata tra dolce e amaro, spiccano i sentori di malto e cioccolato, con una buona percezione della luppolatura nel finale.

La porter è una versione più leggera della stout. Questa ha vinto una doppia medaglia d’oro. Il suo sottilmente aromatico, un sorso setoso e rotondo con un tocco di amarezza che prende il via nel finale.

Rye River Brewing Eventide Stout

Siamo in Irlanda, contea di Kildare, base del birrifico Rye River Brewing Co. e della sua costola McGargles “il miglior piccolo birrificio d’Irlanda”. Una tradizionale irish stout con un aroma di morbido di caffè, cioccolato e tostatura. Un gusto delicato ed equilibrato con un chiusura secca come dovrebbe essere una grande Irish Stout da manuale.

Rye River Brewing Big Bangin Ipa

Una interpretazione della birra più prodotta nella costa occidentale degli Stati Uniti in stile IPA, e molto apprezzata in irlanda nelle giornate più calde. Si produce utilizzando esclusivamente il miglior malto di orzo Maris Otter e fortemente luppolata con una varietà di luppoli dagli aromi tropicali, per catapultarvi nell’estate delle campagne irlandesi.

Solas Red Ale

Una red ale senza tempo, complessa e maltata. Dal sapore tostato e di frutta rossa a matura, il tutto ravvivato da un single hop.

Whiplash Slow Life Nitro Stout

Whiplash è nato da due mastri birrai irlandesi quasi per gioco. Dal 2019 ha visto i due completare la costruzione del loro microbirrificio e stabilire Ballyfermot, Dublino, come quartier generale di Whiplash, progettato su misura che fornisce piccoli lotti di grandi birre. Ora con una casa, un kit e una piccola troupe: Whiplash è il birrificio di Dublino in prima linea in tutto ciò che è moderno nella birra irlandese.

Slow Life è tutto incentrata sul malto, sfumature ed equilibrio: prendendo una semplice macinata di malto pale maltato, malto marrone, aromatico e cioccolato con un pizzico di Columbus in ebollizione. Fermentato su WLP007 e poi lasciato riposre. E’ una stout moderna da un gusto inconfondibile

Whiplash Body Riddle Pale Ale

Whiplash Body Riddle è la loro interpretazione di una American Pale Ale luppolata con luppoli Lemondrop, Galaxy, Simcoe ed Ekuanot e maltata con Floor Malted British Pale Malt, Carapils e Wheat Malt. Naso fresco con scorza di limone, arancia, mandarino e succo di pompelmo, fragranze esotiche (frutto della passione), qualche tocco erbaceo e floreale, un po’ di resina e sullo sfondo un moderato maltato. Con corpo sottile, morbido e setoso, una carbonatazione media ed un amaro tutto sommato abbastanza lieve, il gusto segue il naso: croccanti agrumi, frutta tropicale e sullo sfondo malto granuloso. Beverina e rinfrescante, esce di scena con un persistente retrogusto secco, citrico ed erbaceo.

Opperbacco

Notaresco è conosciuto, oltre per l’Abruzzo Irish Festival, ma anche come la patria di Opperbacco. Famoso microbirrificio artigianale di Luigi Recchiuti, eletto Mastro Birraio dell’anno 2022. Allora potevamo farci mancare le sue birre? Assolutamente no!
Saranno presenti: Bianca Piperita, Violent Shared, L’una Rossa, 10 e Lode, Baltic Porter.

Check out our
i

Apparently we had reached a great height in the atmosphere, for the sky was a dead black, and the stars had ceased to twinkle.